filosofia

La forza dell’abitudine

Lun, 23/02/2015 - 08:10 -- Fabio Borselli

 

C’è una parola che piace tantissimo agli allenatori, tanto che la si sente ripetere in continuazione, in giro per campi e per palestre.

La parola magica è: ROUTINE.

A dar retta a questa vera e propria “vox populi” il baseball e softball sono, apparentemente, giochi in cui le ROUTINE la fanno da padrone.

Sia che si tratti di ROUTINE tecniche o di ROUTINE mentali, sembra che i giocatori non possano fare a meno di conviverci.

Ora, non è che non ne comprenda l’utilizzo e la necessità e che non capisca, specialmente parlando di approccio mentale, quanto la ROUTINE possa aiutare a dominare l’ansia da prestazione.

Nonostante questo a me la parola ROUTINE fa un po’ paura:

detesto quello che rappresenta o, meglio, detesto il significato che, spesso, le viene attribuito.

Essenzialmente quando si parla di ROUTINE si fa riferimento a qualcosa fatto in maniera sempre uguale, abitudinaria, ripetitiva, dallo scarso coinvolgimento del pensiero e dell’attenzione.

Nella vita di tutti i giorni la ROUTINE è quella cosa che toglie la “magia” alla vita stessa…

Nel baseball e nel softball la classica ROUTINE potrebbe essere, da parte degli interni, il raccogliere palle rimbalzanti e tirarle in prima base (ma anche il prendere volate per gli esterni o il batting practice per i battitori).

Credo che tutti, allenatori o giocatori che siano, abbiano in mente, esattamente, quello di cui parlo:

battute abbastanza simili, per forza, frequenza, direzione e numero dei rimbalzi, che arrivano in una zona del campo abbastanza prossima al difensore, con lo stesso difensore che esegue la presa ed il successivo tiro in maniera sciolta e controllata (tirando ad un prima base, magari, che se ne sta “appollaiato” sul sacchetto e, non sia mai, nemmeno si allunga verso la palla).

Un esercizio lontanissimo dal CONTESTO GARA.

Che tipo di consapevolezza richiede tutto questo? Che tipo di “presenza”?

Ma soprattutto: a cosa serve? Cosa allena? Quanto “sfida” il giocatore o la giocatrice?

Se si parte dal presupposto che quello che si chiede agli atleti , in allenamento, è di imparare a padroneggiare le tecniche del baseball e del softball ma, anche di imparare a gareggiare, nell’usare le ROUTINE per farlo, c’è qualcosa, a mio parere, di profondamente sbagliato.

Di fatto un giocatore sarà tanto più bravo, tanto più allenato se sarà preparato, quindi, a risolvere, velocemente ed efficacemente, sia a livello tattico (pensiero) che tecnico (esecuzione) i problemi che la gara gli pone.

Sarebbe necessario, allora, allenarli all’imprevedibilità delle situazioni, provando a metterli in difficoltà ogni volta, “spostando più in alto l’asticella”, man mano che cresce la loro abilità.

La ripetizione e la prevedibilità dei comportamenti, invece, stimola risposte automatiche, poco impegnative per l’atleta e crea, appunto, abitudini, che poi, alla prova dei ritmi di gara (sia fisiologici che mentali) si riveleranno inefficienti, portando ad un fatale “errore di sistema” proprio nei momenti topici delle partite.

Non voglio nascondermi dietro il proverbiale dito:

come tutti, spesso ho fatto diventare le ROUTINE una parte importante del mio allenamento e l’ho fatto perché convinto che potessero aiutare i giocatori a diventare più bravi e più efficaci.

Ma non funziona.

Non funzionano perché non stimolano gli atleti a essere e rimanere “concentrati sul problema”, ma gli permettono di “ripetere senza pensare” e, per questo, lo allontanano dall’”allenarsi a giocare”.

Certo, allenare alla consapevolezza, abituare chi gioca a mantenere la sua mente vigile e focalizzata è, oltre che una sfida (una BELLA sfida) anche molto, molto faticoso e, qualche volta, per chi allena ricorrere ad una tranquilla ROUTINE è una soluzione che permette di “staccare” per un po’ ed andare in “modalità automatica”.

Ma, lo ripeto, non funziona.

Pensare che sarebbe veramente semplice rompere la ROUTINE:

lo stesso esercizio fatto con palle diverse (proviamo a scambiarcele, ogni tanto queste palline da baseball e da softball, anche per vedere cosa succede e quanto tempo impiegano i giocatori ad adattarsi) o inserendo il fattore “tempo”, per esempio cambia, radicalmente, l’attenzione di chi lo esegue e di chi lo propone…

Penso che non sia facile (per me non lo è stato) ma penso anche che sia necessario “passare oltre” e cominciare ad allenare i nostri atleti e le nostre atlete in modo che siano pronti, davvero, per giocare.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Attrezzi per giocare

Battuta da baseball o battuta da softball?

Primo soccorso

Ancora sul primo soccorso

 

Tu non hai la sfera di cristallo…

Lun, 16/02/2015 - 15:41 -- Fabio Borselli

 

“Moneyball: l'arte di vincere ad un gioco ingiusto” è un film sul baseball, ma non solo.

È tratto dal  libro “Moneyball: The Art of Winning an Unfair Game” scritto da Michael Lewis, che racconta degli Oakland Athletics e del loro general manager Billy Beane.

Sono normalmente scettico sulle pellicole americane che raccontano, o provano a raccontare, il baseball, e ne ho parlato, abbastanza approfonditamente, nel mio post “Il passatempo nazionale” che si può leggere seguendo questo link.

“Moneyball”, al contrario, mi ha conquistato.

Questa, però, non è la recensione del film.

Voglio, invece, approfittare della pellicola per parlare (o riparlare) del mio particolare “pallino”:

la specializzazione precoce o, meglio, di come mi sia convinto, nel tempo, che questa sia uno dei principali problemi nella crescita sportiva dei giocatori di baseball come delle giocatrici di softball.

Ho affrontato l’argomento spesso, ne ho scritto nei post “Specializzazione Precoce? No, grazie!” e “Multilaterale e Polivalente: l'allenamento che funziona”.

Una delle cose di cui sono veramente convinto è che, bambini e bambine che giocano a baseball e softball, dovrebbero, fino ad almeno 14 anni, provare tutte le esperienze che il  gioco può loro offrire:

cimentarsi in tutti ruoli, battere da destra e da sinistra e giocare, veramente (non “partecipare” standosene in panchina) tantissime partite, mentre lo stanno facendo.

Sono talmente sicuro della correttezza di questo modo di procedere che vorrei che le regole dell’attività agonistica giovanile, lo prevedessero e che non fosse consentito attribuire un ruolo, eterno ed immutabile fino, appunto, ai 14 anni.

Ho imparato, a mie spese, che non è possibile intuire come sarà, realmente, l’evoluzione dei bambini e delle bambine in ambito sportivo, ritengo infatti complicato (per non dire impossibile) poter “prevedere il futuro” e decidere, contando su un inesistente “sesto senso”, che tipo di giocatore o giocatrice potrà diventare il bambino o la bambina che abbiamo davanti.

In Moneyball, ad un certo punto c’è una scena, brevissima, che parla di “sfere di cristallo e intuito”… Questa:

(E' possibile vedere lo spezzone anche seguendo questo link che porta al canale YouTube di Softball Inside).

Anche se l’argomento della discussione non sono certo i bambini il messaggio è chiaro:

“non si può prevedere il futuro!”.

Lo si può ipotizzare, forse, auspicare, anche, ma prevedere questo no di sicuro.

Nessuno, ripeto, nessuno, può indovinare che tipo di atleta diventerà da grande ciascun bambino che si approccia al baseball o, se è per questo, a qualsiasi altro sport.

Proprio per questo non ritengo giusto e nemmeno serio (oltre che non professionale) pensare di poter decidere del futuro di un giocatore o di una giocatrice prendendo decisioni che lo possano, anche ipoteticamente, limitare.

È proprio questa la mia paura più grande:

che le mie decisioni, le mie scelte, possano impedire ad un atleta di esprimere in pieno il suo potenziale.

Sono sicurissimo di non volere questa responsabilità!

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Cosa dovrei dire?

L'estate del razzo

Quanto ci alleniamo?

Chi chiama i lanci?

 

I Bambini non conoscono la competizione: la imparano dagli adulti!

Lun, 09/02/2015 - 08:06 -- Fabio Borselli

 

La frase che da il titolo a questo intervento è presa direttamente dal post “PUO’ IL SOFTBALL COPIARE DAL FOOTBALL AMERICANO?” di Aurora Puccio, pubblicato sullo SPEAKER’S CORNER di Softball Inside la scorsa settimana (qui il link).

Direi che l’interpretazione di Aurora contiene una grande verità, ma anche una piccola bugia.

La bugia è che i bambini non conoscono la competizione, la conoscono eccome, solo che non è quel tipo di competizione, e qui arriviamo alla verità, che gli adulti gli impongono.

Succede che per competere i bambini debbano prima imparare a riconoscere “nell’altro” qualcosa di diverso da un mezzo per esplorare il mondo che li circonda.

Detesto dare limiti temporali (a quest’età succede questo…) perché ogni individuo è diverso sia biologicamente che psicologicamente e quello che succede all’uno, magari, è già successo o deve ancora succedere, all’altro.

Si può però provare a generalizzare:

prima dei 4 o 5 anni è molto difficile che il bambino sia capace di “mettersi nei panni dell’altro” e, per questo, nel gioco sperimenta, con ovvi distinguo, la propria individualità, “utilizzando” gli altri, appunto come “strumenti di gioco”.

Solo più avanti (si dice intorno a i 6 o 7 anni, ma qualche autore ipotizza anche gli 8 o 9 anni…) i bimbi cominciano a integrare nel loro mondo “gli altri” e  a ritenerli sia interlocutori che compagni di gioco, cominciando prima con il concordare regole e, solo in un secondo tempo, a rispettare quelle provenienti dall’esterno.

Quando il gioco comincia a d avere queste caratteristiche (immedesimarsi nell’altro,  comprensione e rispetto delle regole) nasce quella che io chiamo “sana competizione”.

Quella che dovrebbe essere alla base di ogni gara, partita o campionato giovanile.

Per competere, nei giochi, i bambini si accorgono, infatti che hanno bisogno di una componente fondamentale: l’avversario.

Scoprono, naturalmente, che non si può gareggiare da soli, che non si può prevaricare l’avversario, correndo il rischio che abbandoni il gioco, che non si possono violare le regole perché questo destabilizza il gioco stesso.

Ma, soprattutto, scoprono che vittoria e sconfitta sono opzioni parimenti possibili e che, anzi, proprio l’incertezza sul “chi vincerà” rende interessante un gioco piuttosto che un altro.

Scoprono anche che non si può vincere sempre (anzi che perdere succede molto più spesso…) e che vittoria o sconfitta sono importanti ed hanno valore solo ed esclusivamente nell’ambito, particolare e ristretto, del gioco stesso.

Questo non vuol dire che le competizioni siano “all’acqua di rose”, anzi, sono confronti duri, spigolosi, senza quartiere:

basta osservare attentamente e con mente aperta i giochi spontanei dei bambini per capire che cercano la vittoria, la supremazia, con ogni mezzo e con tutte le proprie forze. Poi il gioco finisce e sono subito pronti per una nuova sfida.

Questa è la competizione che fa bene ai bambini, che li fa crescere, che li prepara al “dopo”:

un momento di divertimento e di confronto con sé stessi, per conoscere meglio le proprie caratteristiche e capire come coordinarsi, come pensarsi e compensarsi, come migliorarsi…

Un qualcosa che riesce ad offrirgli delle occasioni per guadagnare sicurezza e autostima.

Ma in questa bella storia, purtroppo, ad un certo punto arrivano gli adulti:

i genitori, gli insegnati, gli allenatori, le società sportive…

Improvvisamente la gara non è più “competizione fra pari” ma “lotta per la supremazia”  e tutto viene fatto, esclusivamente, in funzione della vittoria CONTRO l’altro:

voti migliori per essere “buoni studenti”, allenamenti specializzanti per diventare “buoni atleti”, vittorie nelle gare per essere “campioni”.

Questi sono meccanismi e giudizi che nascono dagli adulti e che invadono il mondo dei bambini senza tenere conto delle loro esigenze, costringendoli  a valutare le proprie azioni sempre in termini di “sono migliore o peggiore” degli altri.

La competizione, invece di essere un momento di crescita e di esplorazione del proprio mondo, diventa così l’unica motivazione ad agire. Si compete per competere, in una gara continua, che attribuisce valore in termini di vittorie o sconfitte.

Ecco perché non sono d’accordo con Aurora:

i bambini conoscono benissimo la competizione, la cercano e la ricercano ed è fondamentale nella loro “esplorazione” di se stessi, degli altri e del mondo.

Purtroppo, invece, dagli adulti imparano, troppo spesso, che VINCERE è l’unica cosa, che non c’è secondo posto e che se non sei un vincente non vali nulla…

Come genitore, insegnante ed allenatore non vorrei mai che la competizione, con la gioia della vittoria e la tristezza della sconfitta, sparisse dal mondo dei bambini, ma vorrei che gli adulti (me compreso) diventassero così “bravi” dal lasciarli fare da soli:

aumentiamo le possibilità di confronto coinvolgendoli in attività che li mettano alla prova (come per esempio organizzando situazioni in cui, attraverso una riscrittura condivisa delle regole, sia possibile creare un “confronto tra pari”) ma evitiamo di farne una questione da adulti.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

DP, FLEX ed OPO

DP e FLEX, qualche istruzione per l'uso

OPO, come e quando

Il Manager in panchina

Vita da insetti

Lun, 01/12/2014 - 08:11 -- Fabio Borselli

Nel mio post “Oketi Poketi Woketi Wa” ho detto, direi abbastanza chiaramente, quanto amo il cinema di animazione.

Nello stesso post ho anche detto che in molti di questi gioielli grafici si trovano frasi o, addirittura, intere sequenze, che possono parlare agli atleti, specie se giovani o giovanissimi, meglio di come potrei fare io.

Ma allo stesso modo ci sono sequenze che parlano anche agli adulti e, qualche volta, lo fanno in maniera dirompente.

Mi gira in testa, ad esempio, HOPPER la cavalletta, comandante in capo dei cattivi in “A Bug’s Life”.

Ora, in una scena del film, Hopper, che in quel momento, è giusto sottolinearlo, fa la parte del “bullo”, si rivolge alla principessa ATTA, futura regina delle formiche, con una frase che è tanto CHIARA quanto POTENTE:

“prima regola del comando: ogni cosa è colpa tua” .

Lo spezzone in questione si può vedere sul CANALE YOUTUBE di SOFTBALL INSIDE seguendo questo link.

Difficile non soffermarsi a pensare alle implicazioni contenute in questa, tutto sommato, semplicissima affermazione.

Prima di tutto chi fa l’allenatore, come me, dovrebbe avere questa regola impiantata “di default” nel proprio cervello… Dico di più, dovrebbe essere uno dei  MOTORI principali delle sue azioni.

Ma non è una frase che no dovrebbe riguardare “solo” agli allenatori

Purtroppo, invece, senza con questo voler fare della facile retorica, raramente questo principio è osservato.

Anzi, è costume fare esattamente l’opposto:

chi sta più in alto nella scala gerarchica, scarica, invariabilmente la colpa sui sottoposti, in una catena che porta, paradossalmente, a far ricadere la responsabilità dei fallimenti su chi, è all’ultimo posto, spesso quello che opera seguendo indicazioni sulle quali non ha, assolutamente, nessun controllo.

In caso di successo, invece, non c’è neanche bisogno di dirlo, un “capo” di questo tipo, non fa nessuna fatica ad assumersi tutti i meriti, dimenticandosi perfino di ricordare chi, il lavoro, l’ha fatto sul serio.

Mi rendo conto che estrapolare da “A Bug’s Life” un messaggio così forte è, forse, un po’ un esagerazione.

Si tratta, in fondo, “soltanto” di un film di animazione e non è certo “L’Arte della Guerra”.

Anche John Lasseter (per quanto io possa ritenerlo geniale) non è, di certo, Sun Tzu.

Però:

la “prima regola del comando: ogni cosa è colpa tua”, forse, può far riflettere su quelle che dovrebbero essere le caratteristiche di un LEADER per poter svolgere il suo compito al meglio.

Magari ci sarebbero anche altre cose da dire sulla LEADERSHIP, magari qualcun altro più competente potrebbe formulare il “decalogo del Leader perfetto”, ma credo che partire da questa regoletta, presa da un cartone animato, potrebbe essere un discreto punto di partenza.

Personalmente, non essendo abituato alle mezze misure, ho sempre difeso a spada tratta le mie decisioni, ma, allo stesso modo, non mi sono mai nascosto dietro di esse, assumendomi, sempre e comunque, la responsabilità sia delle mie azioni e di quelle degli altri quando queste fossero mia diretta responsabilità.

Torno a ripeterlo, mi piacciono i film di animazione.

Forse qualche volta esagero nel volerci trovare quello che, probabilmente, non c’è.

In ogni caso: “è colpa mia”.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Impara l'arte e mettila da parte…

“Focusing” ed “Over-Thinking”

Buddy, l'assistente nel Bullpen

Il giorno dell'Asciugamano

Cinquanta! (...che poi, a dire il vero…)

La felicità non è nel risultato

Lun, 24/11/2014 - 09:36 -- Fabio Borselli

Fino a stamattina non avevo idea di chi fosse Unai Emery, allenatore del Siviglia, squadra di football (non americano…) che fa parte della LIGA, la prima serie del campionato di calcio, in Spagna.

Su di lui ho letto un interessante articolo pubblicato sul web dalla rivista online “Ultimo Uomo”, dedicata, appunto al mondo del pallone.

Emery viene definito, nell’articolo, “un allenatore ossessivo e con una filosofia dell'adattamento che sta risultando vincente”.

Oltre al titolo dell’articolo, “La felicità non è nel risultato”, molto interessante ed evocativo e che vorrei commentare, voglio anche riportare questa sua frase, che mi ha molto colpito:

“gli errori ci sono, impossibile prescindere dagli errori, ma allora che gli errori entrino a far parte del processo di crescita. Si ritorna quindi al processo di crescita come vera gioia di un allenatore”.

Naturalmente sono parole che si riferiscono al suo lavoro di allenatore di squadre evolute, di altissimo livello, i cui giocatori sono, nella maggior parte dei casi maturi al punto giusto da avere, quasi del tutto, esaurito il proprio percorso “di formazione” e pronti, per questo, a fornire la massima prestazione possibile.

Sono però frasi POTENTI, che rappresentano una filosofia dello sport che trascende il livello degli atleti che si allenano:

a proposito della “vittoria che non dipende dal risultato” penso che fare sport, anche se necessita di immane fatica solo per effettuare il tentativo di raggiungere risultati di alto livello e che questi non siano garantiti, sia fonte di divertimento.

Credo anche, però, che il divertimento non sia, e non debba essere, solamente quello che si ottiene quando si vince.

Mi spiego, se l’atleta, l’allenatore, condizionano il proprio “divertimento”, la propria “felicità”, solo ed esclusivamente al risultato finale della partita, rimanderanno al termine dell’incontro il giudizio su quello che hanno fatto “durante”, perdendosi la gioia del “giocare qui e adesso”, che è ciò che rende lo sport una meravigliosa avventura.

Una delle frasi che uso, forse anche troppo spesso, per dissuadere i giocatori dal valutare la propria prestazione SOLO dalla vittoria o dalla sconfitta è:

“se guardate SOLO il tabellone, alla fine, vedrete SOLO il tabellone”, a significare che se si considera come unità di misura l’aver vinto o perso si rischia, poi, di “perdere per strada” tutto quello che, sia esso buono o meno buono, viene fatto durante la gara.

In uno dei film della serie Pirati dei Caraibi, l’attore Johnny Depp, fa dire al suo personaggio, il capitano Jack Sparrow: “Non è la destinazione, ma il viaggio che conta”, e se lo dice Johnny Depp…

Coach Emery ha le idee chiarissime su quello che significa ERRORE, tanto chiare da considerarlo parte integrate del processo di formazione dell’atleta.

Io condivido questa visione, aggiungo soltanto che l’errore, di per se, spaventa molto di più gli allenatori che gli atleti e che questa paura  porta, spesso, gli allenatori, a non lasciare il giusto tempo perché l’errore venga superato dall’atleta stesso.

Credo che ogni individuo abbia bisogno dei “propri tempi”, prima di tutto per capire quello che sta facendo e quello che sta sbagliando e, poi, per trovare la soluzione.

Compito dell’allenatore è, secondo me, prima di tutto fornire le conoscenze giuste ed i mezzi per utilizzarle, lasciando che l’atleta, il giocatore, trovi la sua strada in autonomia, per poi aiutare a costruire sul risultato ottenuto, nuove conoscenze.

Sono rimasto molto colpito dallo scoprire che, in un’ambiente, come quello del calcio professionistico, apparentemente dominato da logiche economiche tali da  mettere in discussione la sua reale appartenenza al mondo dello SPORT, ci possa essere spazio per allenatori che, pur con i distinguo della loro situazione oggettiva, pensano e lavorano come fa (o dovrebbe fare) un allenatore di settore giovanile, in qualsiasi altro sport.

Concludo con un’altra citazione di Emery:

“la partita la si può anche perdere, ma che sia per il talento avversario, non per la loro maggior voglia o preparazione”.

Inutile dire quanto la condivido.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Coraggio e Paradosso

Buon Compleanno Softball Inside

Good Morning America

Paradise By The Dashboard Light

Tutta colpa dell’acido lattico

Cent'anni di solitudine

Lun, 27/10/2014 - 08:46 -- Fabio Borselli

Perché le stirpi condannate a cent'anni di solitudine non avevano una seconda opportunità sulla terra”, finisce così il capolavoro di Gabriel García Márquez…

Ora, credo che la persona più sola del mondo, in una squadra di softball, sia l’allenatore.

Non è difficile riconoscerlo, in disparte, nel suo angolo della panchina, circondato, se è fortunato, dai suoi pochi “bravi” (coach, scorer e poco più), gli stessi che prima del “famigerato” terzo canto del gallo saranno pronti a lasciarlo in balia degli eventi.

L’allenatore, colui che è destinato ad essere “IL” capro espiatorio da sacrificare alle Divinità del softball se le cose non vanno bene e l’unico che nelle foto guarda da un’altra parte, se capita di vincere.

E pensare che, in principio l'allenatore, semplicemente non c'era:

era il giocatore più anziano della squadra, o colui che per carisma o diritto di nascita ne era il capitano, ad impartire ordini e a fare la formazione, salvo poi appassionarsi e cominciare (quale illusione...) a pensare di poter essere l’uomo del destino, la “forgia” che trasforma gli uomini in eroi.

Eccolo così trasfigurato nell’allenatore.

Un dilettante (nel senso che “si diletta” ad allenare e che quindi, per questo, non lo pagano) ma che, poi, tanto dilettante non è visto che si è sciroppato corsi, abilitazioni, clinics, in un parossismo di centri di preparazione olimpica, autogrill, stanze condivise con compagni di viaggio dal sonno pesante e dal russare poderoso, investendo in tutto ciò l’equivalente del PIL di una repubblica caraibica di taglia media.

Ha poi passato notti insonni  a perfezionare e rielaborare ed ancora perfezionare programmi d’allenamento, ha girato per campi per vedere le amichevoli degli avversari, letto, studiato, digerito.

Questo uomo picaresco, lo si riconosce subito anche dall’abbigliamento:

è quello che ha, sempre, la tuta diversa dal resto della squadra (ed anche se la avesse come gli altri sarebbe della misura sbagliata) primo perché è un maschio e poi perché, quando arriva in squadra i dirigenti gli dicono: “aspettiamo le tute nuove, che per ora son finite”… Prima che gli forniscano un giacchetto per ripararsi dall’acqua bisogna aspettare il passaggio dei monsoni e per avere (eresia) un paio di scarpe deve ostentare per alcune settimane vecchie Superga sfilacciate, con vista ditone.

Per riuscire a farsi offrire una birra gratis, al bar del campo (non esageriamo, eh!), ci vogliono almeno due vittorie per non parlare di aver diritto ad un sorriso, per il quale occorrono mesi di applicazione.

A casa, poi, ci sono notti insonni ed agitate, fame compulsiva, assenze, distrazioni, inappetenza di nuovo compulsiva, che si accompagnano a veri stati d’allucinazione nelle notturne,  febbrili vigilie delle, immancabili, partite verità.

Dalle giocatrici non si deve aspettare nessun aiuto:

sono cordiali, affabili, fanno complimenti e lo chiamano con nomignoli affettuosi solo nella speranza di giocare, se sono riserve, o per il timore di essere relegate in panchina se sono titolari. Tutte lo fanno, comunque, sempre e soltanto per sperare in minori fatiche ed ottenere favori o favoritismi.

E non importa se trotterellano allegramente durante i giri del campo e se le palle rimbalzano nel guanto o volano alte oltre la recinzione perché devono chiacchierare, loro hanno sempre qualche scusa pronta o, nella versione più evoluta, qualche minaccia, del tipo:

“mica sono una  professionista”, “ho un sacco di cose per la testa” , “sei un fanatico”, “ce la sto davvero mettendo tutta”, “tu mi tratti così ma sappi che l’Atletico Borgotrecase mi vuole e mi ha cercato”.

Non bisogna nemmeno farsi illusioni se sembra che le cose vadano bene  perché, prima o poi, questo si rivelerà un pericoloso boomerang:

basta un campionato vinto ed ecco che il tapino, che si convince di avere  diritto ad un futuro fatto di fiducia ed entusiasmo, comincia ad immaginare anni felici e la possibilità di “cambiare quello che non va”.

È un errore imperdonabile.

Gli stessi dirigenti, i (pochi) tifosi che in ottobre festeggiavano la promozione come se in campo fossero scesi loro, a metà aprile, a stagione a malapena iniziata (e la tuta ancora non si vede…) sono pronti a “dimissionarlo” perché: “quest’anno ha perso mordente”.

Basta una sconfitta inopinata contro la solita Dinamo Riotortodisotto che, complice la delazione di alcuni giocatori, il malcontento inizia a serpeggiare insidioso. Non sono certo gli errori “di guanto” ed i lanci al rallentatore,  a far perdere le partite, e nemmeno la lentezza generale o il non prendere i segnali: “è lui, è colpa sua, con i suoi metodi, con le sue idee bislacche, proprio non ci divertiamo”.

A questo punto, per lui, sarebbe meglio andarsene, sarebbe anche meglio essere cacciato, che rimanere ancora più solo, senza giacchetto, con le scarpe bucate e la tuta diversa (sempre che, alla fine, sia riuscito ad averla…) senza un cane che lo saluta, senza più abbracci e senza nomignoli...

Ma se tutto questo è vero, ed è vero, senza possibilità di smentita, perché continuiamo a farlo?

Perché continuiamo a stare li, in quel posto solitario, sotto gli occhi sornioni e bugiardi di quelli che, loro si, saprebbero come fare, come gestire, chi far giocare?

Lo facciamo perché ci sono momenti in cui, anche se la solitudine è totale e opprimente, il tempo sembra fermarsi: cominciano a succedere cose che le persone intorno a te riusciranno a capire soltanto “dopo”, mentre tu già sapevi, “da prima”, che sarebbero successe.

E quando saranno pronte a reagire, o penseranno di poterlo fare, questo accadrà esattamente un secondo dopo che tu avrai già deciso cosa fare e lo avrai, anche, già fatto.

È quel secondo, davvero, che cancella tutto il resto.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

L'arte della Rubata

Alla ricerca del tempo perduto

Dubito, ergo…

Passione

Age quod agis

Lun, 20/10/2014 - 08:44 -- Fabio Borselli

“Age quod agis” è un proverbio latino che tradotto letteralmente vuol dire: “fa quello che fai”, e che ri-tradotto in sportivese, diventa “Mettiti in gioco”.

Che poi vuol dire che quando si fa una cosa, qualsiasi cosa, bisogna fare proprio quella cosa lì, ed in quella cosa lì che si sta facendo, mettere tutto se stesso: la testa, il cuore, le mani, i sentimenti… Insomma, tutto quello che si ha.

Perché se una cosa la si fa con tutto l’impegno possibile, quella  esperienza arricchisce, che si riesca o che non si riesca, che si vinca o che si perda, in questo modo, alla fine, sia che il risultato raggiunto sia grande o che sia piccolo, questo diventa, comunque, significativo.

Da questo punto di vista credo che la sterile ed abusata polemica che, periodicamente, percorre il mondo dello sport tra i fautori della “competizione” e quelli dell’”importante è partecipare”, abbia ben poca ragione di esistere:

prima di tutto perché il termine “competizione” vuol dire tante cose, ma io credo che non c’entri niente (o almeno non quanto comunemente si crede) con il “vincere” e poi perché le parole SPORT e COMPETIZIONE sono, sempre a mio parere, sinonimi in senso lato.

Al contrario dire “basta partecipare”, soprattutto se a praticare lo sport sono i bambini, assume troppo spesso il significato di “deve essere SOLO divertente”.

Parlando di attività giovanile, questo genera la convinzione che, l’unica scelta possibile sia tra la RICERCA DELLA VITTORIA e la PARTECIPAZIONE PER DIVERTIRSI.

Nulla di più sbagliato!

La situazione è molto più complicata di così!

Io non ho mai visto un bambino che si diverte perdendo, anzi sono sicuro che perdere, e perdere spesso, fa associare la sconfitta alla frustrazione e aiuta a costruire convinzioni depotenzianti che, nella maggioranza dei casi, porta all’abbandono.

Ma anche la vittoria, potrebbe essere accompagnata da sensazioni e sentimenti negativi che, a lungo andare, potrebbe portare lo stesso risultato di rifiuto dello sport.

Il concetto da cui deve partire un’analisi corretta della “competitività” è che, forse, la vittoria non è lo scopo primario, o che almeno occorre definire con precisione cosa si intende per vittoria e capire che questo significato cambia di volta in volta.

Credo che il reale significato di COMPETERE sia l’AFFRONTARE DELLE SFIDE e che queste possano essere, di volta in volta, semplici, difficili o irrimediabilmente impossibili da superare.

E’ chiaro che questo pone l’allenatore, insieme a quanti si occupano del gruppo o del singolo atleta (genitori, società, federazioni) davanti alla scelta di utilizzare la competizione non come fine a se stessa ma come parte del processo di crescita e formazione dell’individuo che pratica sport. In questo modo la competizione non è solo la partita o la gara, ma diventa parte integrante delle sedute di allenamento, sia come contenuto specifico, che come “tema di fondo”.

Gareggiare, misurasi, nello sport è fondamentale:

se vogliamo educare dei competitori è indispensabile che giochino e che gareggino da subito, ma bisogna pensare a competizioni o gare EQUILIBRATE, in cui l’avversario sia impegnativo. ma non troppo facile o impossibile da battere, gare che mettano in evidenza il processo di formazione e che aiutino a consolidare quanto appreso. gare che servano a verificare se la rotta tracciata è giusta o se servano degli aggiustamenti.

È necessario, di volta in volta, caso per caso, che l’obiettivo della gara sia ben chiaro nella mente dell’allenatore e, specialmente, degli atleti e che questo possa non essere il "semplice" superare l’avversario, bensì il raggiungimento di una traguardo svincolato dal risultato finale, che sia  individuale o di squadra.

È poi estremamente importante parlare della SCONFITTA, che è possibile, sempre, quando si gareggia o ci si misura:

rendere la sconfitta una possibilità e metterla nella giusta prospettiva aiuta gli atleti (anche quelli meno giovani) a considerarla come parte integrante del processo, annullando la carica negativa che una battuta d’arresto, se non ben compresa, possiede.

Credo che nello sport gareggiare sia inevitabile, ma credo anche sia fondamentale capire che “gli altri” non sono il nemico da battere, da annullare, da umiliare, ma punti di riferimento e compagni di viaggio e che gareggiare con loro ha, ogni volta, il significato ed l’importanza che “io” decido di dargli.

E potrei andare avanti...

Ora tutto questo è difficile e complicato e presuppone che chi lavora con i giovani sappia esattamente qual è la rotta da tenere per raggiungere quello che io ritengo essere il vero obiettivo finale: la piena maturazione dell’atleta.

Ma, d’altra parte, chi ha mai detto che fare l’allenatore sia un mestiere facile?

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

CASA BASE a "Lucca Comics and games 2013

Palla prigioniera ovvero allenarsi con un “gioco da strada”

Carico di Lavoro ed Allenamento

Punti di vista…

Il nono difensore

Lun, 13/10/2014 - 07:57 -- Fabio Borselli

Ho visto molte squadre, anche ottime squadre, perdere partite per un pessimo tiro della lanciatrice verso la prima base.

Ancora, negli anni, ho sentito un sacco di opinioni riguardo la capacità delle lanciatrici di essere anche dei buoni difensori.

Premetto che sono un convinto assertore della necessità di avere pitcher che, una volta lanciata la palla, nella malaugurata ipotesi che questa venga ribattuta, debbano essere in grado di raccoglierla e tirarla, forte e precisa, ad ogni base sia necessario, o anche, capaci di decidere di non tirare.

Dico questo perché non riesco a concepire la posizione della lanciatrice se non come quella di un giocatore completo, che oltre al suo compito specifico, individuale, deve anche giocare insieme alla sua squadra, coralmente.

Quando sento parlare di lanciatrici che NON POSSONO anche essere dei buoni difensori perché il ruolo è cosi specializzato ed impegnativo che non rimane tempo per l’allenamento in difesa, mi viene da pensare che sarebbe come allenare i catchers a prendere e bloccare i lanci ma non farli lavorare su quello che viene dopo la ricezione…

Ripeto, ho sentito un sacco di teorie, ma rimango della mia idea:

la lanciatrice DEVE saper giocare come difensore, senza se e senza ma, per questo è NECESSARIO programmare, nei piani di allenamento, del tempo per allenarla a gestire le palle battute.

Allenare le lanciatrici a giocare in difesa, oltre a migliorare l’efficienza complessiva della squadra, permette anche di renderle molto più selettive sui “rischi da prendere” quando una palla non agevole da controllare è battuta verso di loro.

Generalmente voglio che le mie lanciatrici sappiano raccogliere i bunt effettuati direttamente verso di loro e, se sono destre, provare a raggiungere anche quelli verso la  prima, quando il prima-base fosse, per qualsiasi motivo, in ritardo. Se sono mancine, vista la difficoltà aggiuntiva nel doversi girare completamente per il tiro, preferisco lasciare ai difensori agli angoli il compito di raccogliere le smorzate non dirette alla lanciatrice.

Su palla battuta verso di loro, per prima cosa, do una semplicissima indicazione:

“la lanciatrice deve provrea a prendere SOLO le palle che passano all’interno del cerchio intorno alla pedana, avendo l’accortezza di NON tentare nemmeno se la battuta è FUORI dal cerchio”.

Questo per evitare che il tentativo DEVII la palla dalla sua traiettoria originale mettendo “fuori tempo” l’interbase o il seconda-base.

Quando le lanciatrici diventano più esperte questa indicazione viene integrata ed ampliata:

“la lanciatrice NON deve provare a prendere le palle battute dal lato del suo braccio di lancio (verso l’interbase per le lanciatrici destre, verso il seconda-base, nel caso di anciatrici mancine)”

Questo perché il naturale proseguimento del movimento di lancio le porta, spessissimo, ad essere sbilanciate verso il lato del guanto, rendendo difficile il raccogliere la palla in contro-guanto ed aumentando, come già detto, la possibilità di un DEVIAZIONE.

Dare semplicemente indicazioni, naturalmente, non basta.

Programmare attentamente l’allenamento della lanciatrice in difesa, oltre ad integrarla con le compagne di squadra per evitare che non si muova in armonia con le stesse nelle situazioni in cui CHI deve giocare la palla battuta non è immediatamente individuabile, permette alle stesse lanciatrici l’esatta comprensione del proprio “raggio di azione”, cosa che le aiuterà a “non provare a mettere il guanto” su certe battute.

Personalmente impiego le lanciatrici quando lavoro sulla difesa del bunt e non manco mai di farle lavorare sulla raccolta di rimbalzanti e successivo tiro sulle basi (tutte le basi, perché non si sa mai…), al pari di tutti gli altri interni. Non tralascio nemmeno di farle allenare sui propri movimenti e coperture quando gli esterni lavorano ai tiri sulle basi.

Tutto questo vale, a maggior ragione, quando si tratta di allenare squadre giovanili, ma in questo caso, visto che la specializzazione non dovrebbe essere così esasperata come nelle squadre seniores, le lanciatrici dovrebbero già allenarsi per ricoprire anche gli altri ruoli difensivi.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Allenare le Capacità di Differenziazione

Specchio, specchio delle mie brame… Apprendimento Motorio e Neuroscienze

Apprendimento Motorio: oltre la Teoria dello Schema

Multilaterale e Polivalente: l'allenamento che funziona

La vita per conto dei figli

Lun, 06/10/2014 - 10:16 -- Fabio Borselli

“I figli ci danno grandi soddisfazioni!”

Come si può non essere d’accordo con questa semplice affermazione?

Da quando sono genitore ho gongolato (più o meno segretamente) per ogni singola conquista del “mio bambino”, soffrendo invece (più o meno in silenzio) per ogni suo, per quanto minuscolo, fallimento.

Quando i nostri figli hanno successo, diciamolo francamente, la cosa ci rende più felici che se fossimo stati noi a ottenerlo.

Ma quando siamo troppo coinvolti nelle loro vite, spesso diventa difficile capire dove iniziamo noi e dove loro finiscono e quando i figli diventano un nostro prolungamento possiamo finire col vederli come la nostra seconda chance, la possibilità di riuscire a coronare, per interposta persona, i NOSTRI sogni.

Ecco che, d'un tratto, tutto gira intorno a noi, più che intorno a loro, ed ecco che la nostra felicità inizia a confondersi con la loro...

Quando questo succede il “carico emotivo” che viene riversato sulla testa, ignara, del “piccolo fenomeno” o supposto tale, diventa un problema:

le aspettative diventano gigantesche e, qualche volta, non si riesce più a capire se a desiderare qualcosa, qualsiasi cosa, sia il figlio, il genitore o il figlio per non deludere il genitore…

Oltre a questo, però, c’è dell’altro:

siccome non vogliamo che i nostri figli falliscano, invece di lasciare che affrontino le avversità, che cadano, che commettano errori, liberiamo loro la strada, rimuovendo gli ostacoli per rendergli facile la vita.

Ma, è risaputo, che le avversità fanno parte della vita e che non c’è apprendimento senza tentativi a vuoto ed errori, solo affrontandoli i nostri figli potranno sviluppare quelle capacità di adattamento di cui avranno bisogno più avanti, nella vita da adulti.

Ragion per cui, anche se risolvendo i loro problemi e stemperando le loro ansie sembra di far loro un favore, in realtà, secondo me, non stiamo facendo altro che ritardare la loro crescita:

siamo così preoccupati, così predisposti ad impedire che soffrano che si prediligono i benefici a breve termine, eliminando ogni possibile situazione di disagio, piuttosto che pensare  al loro “benessere” nel lungo periodo.

Parlando sempre da genitore, se c'è una cosa che spero di non aver sbagliato e di continuare a non sbagliare con il mio “giovane virgulto” è il non cercare di sostituire il mio IO al suo NUCLEO ESSENZIALE.

Non c’è nessuno, di questo sono profondamente e sicuramente convinto, che sia in grado di imporre una personalità ai proprio figli, che sia capace di trasformare un individuo in un altro, visto che la vera essenza di ciascuno troverà, comunque , la strada per venire fuori.

E’ vero, però, che i bambini cercano gratificazioni a breve termine, e tocca a noi come genitori cercare, o almeno provare a farlo, di vedere più lontano.

Noi, anche se questo può sembrare triste, sappiamo che ciò che avrà importanza quando saranno adulti non sarà quanto forte riusciranno a lanciare una palla, ne se saranno musicisti, aviatori o poeti, se saranno il massaggiatore o il capitano della squadra, ma il modo in cui tratteranno gli altri, e ciò che penseranno di loro stessi.

Se vogliamo che la loro personalità si formi, che la loro fiducia in se stessi, la loro forza, la loro resilienza ne facciano degli “adulti felici”, allora dobbiamo lasciare che affrontino le avversità e scoprano di possedere quell’orgoglio di chi, superandole, ne esce più forte di prima.

È duro veder fallire i propri figli, ma a volte (molto più spesso di quanto crediamo) dobbiamo riuscire a lasciarlo succedere. A volte dobbiamo chiederci se intervenire sia nel loro interesse…

La personalità, la fibra morale, la bussola interiore, la capacità di credere in se stessi... sono queste le cose che pongono le basi di un futuro sano e felice e sono assolutamente sicuro che contano più di qualsiasi bel voto a scuola, di una medaglia o di un posto in prima fila ottenuto senza lottare.

Ma tutto questo con lo sport e con l’allenare cosa c’entra?

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Tentar non Nuoce

Problem Solving

A proposito di Apprendimento Motorio

Profeti e Profezie

La battaglia di Rocroi

Lun, 22/09/2014 - 08:08 -- Fabio Borselli

Avvertenze e controindicazioni:

quelle che seguono sono alcune riflessioni a ruota libera che prendono spunto dalla pubblicazione di un articolo sul sito Baseball On The Road, dal titolo “Qual è il vero valore di un Manager?” e da una serata “improbabilmente adolescenziale” passata a ragionare “d’amore, di morte e di altre sciocchezze” (che è il titolo del disco di Francesco Guccini che suonava in sottofondo).

Non hanno, perciò, la pretesa di essere coerenti, risolutive o costituire una lettura “impegnata”, quindi chi è in cerca dell’illuminazione passi pure oltre.

Nell’articolo in questione una domanda mi ha colpito:

“Quante vittorie vale un manager in ogni stagione?”

Copio ed incollo la risposta prendendola, pari pari, da Baseball on The Road:

“pur considerando tutti gli elementi del caso, si resterà sempre senza una risposta precisa. Probabilmente sono poche, forse cinque tra un manager che gestisce tutto alla perfezione rispetto a uno che sbaglia i cambi, impiega i giocatori in modo sbagliato e non sa comunicare… Da considerare inoltre: se veramente un manager valesse più vittorie a stagione (La Russa sostiene che uno buono ne vale sette) ecc…”

Insomma, la tesi del pezzo racconta di 5,6 o massimo 7 partite (in una stagione da 162) vinte per le decisioni del manager…

E da noi? Nel nostro Baseball e nel nostro Softball?

Non sono in grado di dare una risposta, anzi, non VOGLIO darla.

Mi piace pensare che TUTTE le partite, vinte o perse, dipendano dalle mie decisioni di allenatore e manager.

Mi piace pensare che queste SCELTE e DECISIONI non siano limitate a quelle tattiche, quindi legate alla singola partita, ma comprendano il lavoro nella sua totalità, dalla scelta delle impostazioni da dare alla preparazione atletica, in inverno, a quelle relative ai singoli esercizi da proporre durante le sedute di allenamento nella fase finale della stagione.

Continuo la lettura e scopro un’altra frase (domanda e risposta) che mi colpisce con forza:

“…Perché non ha utilizzato i suoi migliori rilievi in una situazione critica della partita, anche tenuto conto che il bullpen dei Royals è tra i migliori nelle majors? Risposta di Yost: perché Crow è il rilievo del sesto inning, gli altri sono per le fasi finali.”

Ed ecco che la mia formazione classica salta fuori:

«Si racconta che il principe di Condé dormì profondamente la notte avanti la giornata di Rocroi: ma, in primo luogo, era molto affaticato; secondariamente aveva già date tutte le disposizioni necessarie, e stabilito ciò che dovesse fare, la mattina».

Questo è l’inizio del secondo capitolo de "I promessi Sposi" di Manzoni, croce senza delizia del mio secondo anno di superiori.

Manzoni si riferisce alla battaglia di Rocroi, avvenuta il 19 maggio 1643, episodio bellico della guerra dei 30 anni e vinta dalle truppe francesi guidate dal duca d'Enghien, Luigi di Borbone (futuro principe di Condé), la sua figura di condottiero, è ricordata e celebrata, soprattutto, per questa tranquillità.

La sua calma, diventata proverbiale, racconta dell’importanza della pianificazione e dell’inutilità delle preoccupazioni e dei ripensamenti una volta che tutto è stato programmato, pensato, previsto.

Ma quello che non traspare da questo motto manzoniano è, invece, quello che avrebbe dovuto fare, a mio parere, Coach Yost, ovvero cambiare i propri piani al mutare della situazione  tattica.

Nel mio piccolo dormo sempre serenamente prima delle gare, facili o difficili che siano, visto che cerco di pianificarne lo svolgimento in anticipo, usando a questo scopo tutte le informazioni in mio possesso sulle MIE forze e su QUELLE degli avversari. Cerco anche di pianificare i possibili cambiamenti: il PIANO B…

Qualche volta il PIANO B resta semplicemente una possibilità, qualche volta diventa operativo e qualche volta, purtroppo, devo ricorrere al PIANO C.

Pianificare non ha nulla a che vedere con il VINCERE, naturalmente, che dipende da troppi fattori imprevedibili per poter essere programmato, ma mi piace pensare che, pianificando attentamente le mosse, la vittoria, possa essere, almeno, un po’ più facile.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Sui campionati giovanili

Ancora sulle competizioni giovanili

Diritti dei bambini nello sport

Bagaglio al seguito…

Pagine

Abbonamento a filosofia