allenamento

Uno, nessuno e Centomila

Lun, 28/11/2016 - 08:08 -- Fabio Borselli

 

Scomodo Pirandello per il titolo di questa breve riflessione…

Sono un assiduo frequentatore di “Che palle!” la rubrica che Mario Salvini gestisce sul sito Web della “Gazzetta dello Sport” e che ritengo un luogo virtuale molto importante (anche se pochi se ne sono accorti) per la creazione, anche da noi, di una “letteratura, non di nicchia, DI e SUL baseball”.

Su “Che palle!”, all’inizio della scorsa settimana, mi sono imbattuto in Scambio di ruoli”, un articolo dedicato al football americano.

Il pezzo racconta di come sia possibile ragionare “fuori dagli schemi” avendo successo e, cosa da non trascurare, facendo notizia…

Ad un certo punto, cito testualmente, Salvini dice:

“Suggerendoci al contempo che nella vita, sul lavoro e in qualsiasi altro ambito, ogni tanto sarebbe bello scambiarsi ruoli, mansioni, modi di operare e forse persino di pensare. A volte può persino capitare di andare in meta”.

Fare l’impensato… Scambiarsi i ruoli… Giocare “contro” il libro…

Chi più ne ha più ne metta.

Due professionisti, in uno sport professionale hanno “osato” un cambiamento:

hanno sorpreso, hanno costretto a pensare, hanno costretto a ri-pensare, hanno costretto a organizzare, hanno costretto a ri-organizzare…

Vi sembra poco?

Magari pensiamoci.

Pensiamoci la prossima volta che andiamo in campo, la prossima volta che prepariamo il nostro allenamento, la prossima volta che “facciamo quello che si è sempre fatto”, la prossima volta che, arrogantemente, precludiamo ai nostri bambini e bambine la possibilità di FAR VEDERE tutto il proprio potenziale.

Pensiamoci quando, in nome e per conto della nostra esperienza, impediamo a qualcuno di giocare in un ruolo diverso da quello che il del nostro “naso da coach” ha DECISO per lui.

Forse far battere anche dal box “sbagliato” o far provare a tutti a lanciare potrebbe riservare delle sorprese…

Forse potrà “persino capitare di andare in meta”.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Quanto ci alleniamo?

Chi chiama i lanci?

Attrezzi per giocare

Battuta da baseball o battuta da softball?

Primo soccorso

 

Tabelle e tabelline

Lun, 21/11/2016 - 08:08 -- Fabio Borselli

 

Torno su un argomento che mi sta molto a cuore, che è quello dell'allenamento, analizzato questa volta nella sua "prospettiva energetica":

nel mio post "ma se lo sappiamo, perché non lo facciamo?" ho affrontato il tema del modello prestativo del baseball e del softball e delle sue conseguenze nell'organizzazione e nella gestione degli allenamenti.

Purtroppo, vedendo cosa sul web viene spacciato per "esercizi di allenamento per il baseball e per il softball", mi rendo conto che, forse, le idee non sono proprio chiare e che si pensa di lavorare in una direzione andando, invece, esattamente in quella opposta.

Vorrei provare a fare un po' di chiarezza:

la figura sopra è, credo, semplice e completa, inoltre le didascalie aiutano di certo.

Evitando toni troppo professorali voglio ricordare giusto al cune cose, non certo mie opinioni ma, come si dice, "evidenze scientifiche":

La prima, banale è che i muscoli, per funzionare, hanno bisogno di energia.

Ancora più banalmente si può dire che, al pari dei motori delle nostre automobili, che funzionano utilizzando la benzina, il gasolio o il metano, i muscoli funzionano utilizzando come carburante il "famigerato" ATP (adenosintrifosfato).

Paragonare muscoli e motori è molto inerente perché entrambi trasformano energia chimica in energia cinetica (movimento), ma a differenza dei motori, che funzionano esclusivamente “consumando” il carburante, i muscoli hanno anche la capacità di “autoprodurlo”. Senza entrare in dettagli chimici è sufficiente sapere che nei muscoli è presente una quantità limitata di ATP, bastante  per compiere un esercizio fisico di pochissimi secondi, questo implica che per poter continuare a lavorare, i muscoli devono essere in grado di “ri-produrlo”, una volta consumato, durante il lavoro stesso.

Questa capacità del muscolo di produrre ATP deriva dallo sfruttamento dell’energia contenuta in altre molecole, ovvero i carboidrati, i lipidi e le proteine.

Semplificando il più possibile (anche a costo di perdere in "precisione") la re-sintesi dell’ATP può avvenire attraverso tre meccanismi:

il meccanismo anaerobico-alattacido nel quale non interviene l’ossigeno e che non produce scorie metaboliche (lattato);

Il meccanismo anaerobico-lattacido nel quale non interviene l’ ossigeno, ma che genera la produzione di lattato (l’energia per la ricarica deriva essenzialmente dai carboidrati);

Il meccanismo aerobico che richiede ossigeno (l'energia per la ricarica può essere "estratta" (in tempi diversi e con la produzione, più o meno cospicua, di scorie) da carboidrati, lipidi e proteine.

Tornando alla figura iniziale appare evidente che i diversi meccanismi energetici non lavorano “in serie”, ma “in parallelo”.

Questo vuol dire che in determinati momenti dell’attività’ fisica questi meccanismi si attivano contemporaneamente e non in successione

A tutto questo si aggiunge la varabile "pause" e "tempi di recupero" che, senza tema di smentita, permette al meccanismo anaerobico-alattacido di ricaricarsi quasi completamente in tempi brevissimi.

Ebbene, sulla base delle "evidenze scientifiche", il professor Dal Monte ha elaborato una classificazione delle attività sportive:

  • attività di potenza (che si esauriscono nell’arco di 10 secondi);
  • attività prevalentemente anaerobiche, che si realizzano nell’arco di 45-50 secondi;
  • attività aerobiche della durata superiore a 45 secondi.

Detto questo, appare chiaro che, rispettando quanto succede durante le partite di baseball e di softball (modello prestativo), i nostri due sport stanno abbondantemente all'interno delle attività di potenza e che i tempi di recupero permettono di sfruttare per quasi tutto l'arco della gara il suddetto meccanismo anaerobico-alattacido.

Allora, a costo di ripetermi, faccio di nuovo la domanda:

"a cosa diavolo servono esercizi che durano troppo tempo, oltretutto svolti a bassa, se non bassissima velocità (e vorrei anche vedere...) visto che stimolano sistemi energetici che durante le gare non vengono minimamente utilizzati?"

Magari però sono io che sbaglio e i video che girano sui social allenano davvero la "reattività" e la "velocità" ...

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

DP, FLEX ed OPO

DP e FLEX, qualche istruzione per l'uso

OPO, come e quando

Il Manager in panchina

Cosa dovrei dire?

 

Lettera

Lun, 17/10/2016 - 08:08 -- Fabio Borselli

 

Caro genitore,

per prima cosa mi scuso per il “tu”, ma sui campi di gioco siamo abituati a non essere troppo formali puntando all’essenza delle cose.

Sono l’allenatore di tua figlia, della tua giovane e talentuosa figlia, giocatrice di softball.

Credo che, probabilmente, tu sia stato confuso e fuorviato da tanti dei miei colleghi che nascondono la propria insicurezza dietro il mantra “il giocatore ideale è un orfano” (tanto stupido quanto illogico) visto che, impossibile non notarlo, la tua partecipazione alla vita sportiva di tua figlia è, purtroppo, nulla.

Nello sport come nella vita si incontrano tante persone diverse, ogni atleta si porta al campo, volente o nolente, anche un pezzo della propria famiglia:

ci sono i genitori insopportabili, maniaci del controllo e ossessivi.

Ci sono genitori intrepidi, cavalieri in armatura, sempre vigili in caso di ingiustizie, vere o presunte, perpetrate contro la propria discendenza.

Ci sono i genitori che vivono la loro vita “conto terzi”, come se le sconfitte o le vittorie dei figli fossero le loro.

Ci sono i genitori “metti la maglia di lana”, che costruiscono un castello inespugnabile per difendere i propri pargoli da qualsiasi imprevisto o probabilità.

Ci sono i genitori “la vuoi la banana?”, che prevengono i bisogni visto che, d’altra parte, quando si fa fatica c’è sempre bisogno di potassio, no?

Ci sono anche, fortunatamente, genitori presenti ma non invadenti, sempre sorridenti, pronti a incoraggiare e sostenere e, ragionevolmente, a valutare e giustificare.

Molti di queste figure non sono positive, per carità e, anzi, qualche volta vorremo tutti, figli compresi, che i contorni sbiadissero un po’, che si potesse respirare, che ci fosse modo di affrontare lo sport più serenamente e non sempre come una questione di vita o di morte.

Ma tu, invece, tu sei una figura strana, che fatico a capire e, francamente, a giustificare.

Tu, semplicemente, non ci sei.

Non la accompagni e nemmeno la vieni a riprendere agli allenamenti o alle partite e, mai e poi mai, ti ho visto in tribuna.

Tua figlia è un giovane talento, lo senti ripetere da un po’ e invece di farti forza di questo sembra che questa cosa non ti tocchi, anzi, oserei dire, che ti disturba.

So che sei molto preso dal tuo lavoro e che, la vita non sempre serve ostriche e caviale, so anche che gli orari, le esigenze, gli altri figli, il menage familiare e compagnia cantante non aiutano certo a mettere le cose nella giusta prospettiva.

Tua figlia pratica (forse sarebbe meglio dire, vista l’età, “gioca”) uno sport particolare, poco diffuso, qualcuno dice minore, qualcuno dice povero, io dico uno sport “diverso”, uno sport che tutti possono giocare, ma che non tutti riescono a capire.

Tua figlia è molto brava, tanto brava che, all’inizio, non ha fatto nessuna fatica e, anzi, il suo talento l’ha fatta primeggiare senza sforzo apparente, illudendola che questo “dono del cielo” fosse gratuito, che non costasse nulla, che non avesse bisogno di essere supportato per crescere.

Noi, d’altra canto, ci abbiamo messo del nostro:

giustificando le sue assenze agli allenamenti, alimentando il suo ego, sfruttandola (non c’è un modo più dolce di dirlo) per vincere partite e sentirci gli “allenatori di una futura campionessa”, quelli che “l’hanno scoperta”

Ma abbiamo anche fatto di peggio:

ci siamo sostituiti a te che, preso dalla tua vita, non avevi tempo per sostenere il suo impegno e, soprattutto per farle capire che, senza quell’impegno, non si va da nessuna parte.

L’abbiamo coccolata, accudita, ascoltata… Abbiamo macinato kilometri per venircela a prendere e riaccompagnarla a casa dopo partite, allenamenti, raduni…  L’abbiamo viziata, blandita, tranquillizzata…

Noi Abbiamo sbagliato!

Lei è cresciuta convinta che tutto le fosse dovuto, che allenatori, compagne di squadra, dirigenti, genitori delle altre, fossero li per lei, perché il suo talento la rendeva  una regina.

Lei è cresciuta convinta che si potesse eccellere senza lavorare, senza allenarsi, senza impegnarsi.

Ma questo anche per colpa tua!

Quante volte ha assecondato la sua pigrizia perché “così non devo perdere tempo” oppure perché sapevi che, alla lunga, il suo mentore avrebbe risolto il problema?

Adesso è un po’ più grande e il suo grande talento non basta più…

Lei lo sta scoprendo nel modo più feroce:

non vince più, non è più la migliore, anzi, sembra che tutto quello che fa non funzioni più e peggiori le cose.

Noi, gli allenatori, l’abbiamo lasciata andare, la stiamo rimproverando:

le rimproveriamo il poco impegno e lei, dove prima trovava comprensione, affetto, disponibilità, famiglia, adesso trova ostilità e poca propensione ad assecondare le sue esigenze.

Non è più una principessa e per tornare a esserlo deve conquistarsi ogni cosa. Questo però la spiazza e fa fatica a capirlo.

Ripeto, per chiarezza:

Noi abbiamo sbagliato!

Ma ora sei tu a sbagliare!

Caro Genitore, ora è il momento di sostenerla, di spronarla, di aiutarla con l’esempio a diventare grande, ad assumersi responsabilità, a non cercare scuse,

Invece…

Non ci sei mai, non la sostieni, continui a rifiutare il tuo aiuto, la tua disponibilità, il tuo tempo e lei, purtroppo, usa questa tua assenza come scusa:

“non mi posso allenare perché non mi possono portare”, l’ho sentita ripetere più e più volte.

“non mi posso allenare perché devo studiare”, “perché devo aiutare a casa”, “perché…”

Purtroppo è un film già visto:

lei lascerà questo sport, lascerà lo sport, qualsiasi sport, magari prima provando a cambiare, ma senza capire che non deve cambiare lo sport ma il suo approccio…

Quando lo farà, quando se ne andrà, sarà per colpa nostra, dirà, per colpa dell’allenatore che la fa giocare poco o che non gli insegna (se solo fosse un po’ presente…)  oppure dirà che le compagne non la capiscono o non la amano.

Dirà che “tutti ce l’hanno con lei”, che “non è colpa sua”

In questo caso avrà ragione:

non è colpa sua, la colpa maggiore è la tua!

Per questo, caro Genitore, mi permetto un consiglio:

sostieni la sua passione o almeno cerca di scoprire se questa passione ce l’ha davvero e poi aiutala a capire.

A capire cosa vuole e spiegale cosa deve fare per ottenerlo e, soprattutto, fai in modo di esserci!

Non è questo che, alla fine, devono fare i buoni Genitori?

 

Ma se lo sappiamo, perché non lo facciamo?

Lun, 19/09/2016 - 13:11 -- Fabio Borselli

 

Negli ultimi anni sono stato fortunato:

come “formatore” ho potuto incontrare decine (forse centinaia…) di “aspirati allenatori” a e di tutti i livelli di preparazione, formazione, ispirazione.

Uno dei concetti FONDAMENTALI (a mio modesto parere) che cerco di “far passare” è quello di MODELLO PRESTATIVO.

La considerazione che sta alla base di questo MODELLO è, in fondo, molto semplice e molti studiosi di cose sportive che ne hanno scritto sembrano parlare della “scoperta dell’acqua calda”:

“Il miglior maestro per l’allenamento è la gara” (Cramer, 1987)

“Dalla gara capiamo che cosa dobbiamo allenare” (Krauspe-Rauhut-Teschner, 1990)

“Se la gara è il miglior allenamento è anche vero che un buon allenamento deve per forza avere il carattere di una gara” (Northpoth, 1988)

Di fatto tutto ciò vuol dire, semplicemente che l’allenamento deve essere coerente con la gara:

in allenamento il giocatore e la squadra devono prepararsi ad affrontare ciò che si troveranno, realmente, di fronte durante la partita.

Per definire il MODELLO PRESTATIVO del baseball e del softball (davvero molto, molto vicini, nonostante le differenze tra i due sport) si deve perciò, prima di tutto, partire dall’osservazione del gioco per poterne, poi, ricavare indicazioni sul cosa e come fare per incrementare la possibilità di performance.

Grazie a un lavoro di ricerca molto approfondito (svolto, in Italia, da Colli, Faina e Machetti  nel 1987 e completato da Madella, Mantovani e Aquili nel 1992) è possibile fare questo breve elenco di considerazioni relative alla partita:

  • Costante alternanza tra azione e pause.
  • Mediamente, solo un lancio su tre evolve in una azione di gioco.
  • In nessun caso si sono verificate più di 20 azioni in metà inning, mentre sono stati effettuati anche 50 lanci.
  • Questo evidenzia il diverso impegno metabolico in relazione ai ruoli.
  • Le azioni durano in media 4"47 (+/- 2"45), sia nel baseball che nel softball.
  • La pausa media tra un lancio ed un altro è di 23" (+/- 13").

Da queste è possibile arrivare alle seguenti conclusioni:

  • le azioni di gioco si succedono ogni 45/50 secondi circa e la loro durata è estremamente breve,
  • è richiesta una elevata capacità di esprimere potenza in tempi brevissimi.
  • c’è un ELEVATO utilizzo del sistema anaerobico alattacido, uno SCARSO utilizzo del sistema aerobico lattacido e l’utilizzo del sistema aerobico praticamente NULLO,
  • le qualità motorie necessarie sono rappresentate da alti livelli di forza esplosiva e di rapidità,
  • necessita lo sviluppo delle capacità coordinative al massimo livello.

Detto questo ne consegue che le modalità di allenamento, ferma restando la necessità di agevolare l’apprendimento della tecnica, siano assolutamente certe e direttamente riconducibili alla partita.

Provo a puntualizzare:

nel gioco “reale”, il terza base, per esempio, raccoglie la palla battuta e, spesso, in condizioni di disequilibrio, sotto la pressione dell’avversario e risolvendo una miriade di problemi (che possono andare dal ritardo del suo compagno nel coprire la prima base, alle condizioni di luce, passando per rimbalzi irregolari o rotazioni “strane” della pallina) effettua il tiro per l’eliminazione.

Questa sequenza di azioni, lo dice l’analisi del gioco, dura circa quattro secondi nel baseball, circa tre nel softball (se dura di più, mi dispiace... Sarà per un’altra volta: il corridore è SALVO!) dopo di che c’è una lunga pausa e non è detto che la battuta successiva (mediamente una ogni 2/3 lanci) sia di nuovo sul terza base.

In quest’ottica, quale significato hanno infinite ripetizioni, che durano anche 5/10 minuti consecutivi, di presa della palla (magari battuta alla stessa velocità, angolazione e profondità, per aumentare la standardizzazione) senza nessuna pausa, con la velocità di esecuzione in vertiginoso calo ad ogni nuova sequenza presa/tiro, perdendo le caratteristiche fondamentali de baseball (per non parlare del softball) che sono la rapidità e l’esplosività del gesto?

Non sarebbe più “allenante” inventarsi qualcosa di più vicino alla gara, anche e soprattutto dal punto di vista della “pressione” emotiva?

Per non parlare della battuta… 30/40/50 swing in una sequenza pressoché continua, senza soluzioni di continuità… Con la velocità della mazza che cala a ogni ripetizione e il gesto che si adatta alla fatica muscolare… Senza che il lancio in arrivo cambi mai di “consistenza”, di direzione, di velocità o di angolo… Peccato che i nostri battitori, in gara, facciano al massimo 2/3 swing per turno di battuta…

Non esiste, davvero, un modo per allenare i battitori che sia più “like a game”?

Il concetto di MODELLO PRESTATIVO è ormai ben conosciuto (lo tocco con mano a tutti i corsi cui partecipo) e, almeno a giudicare dalle tesine, dalle risposte ai questionari e dalle discussioni, ben compreso.

Manca l’ultimo passo però, quello più importante:

adattare l’allenamento al MODELLO, superando la tradizione, “quello che si è sempre fatto”, se questo va in netta contrapposizione al MODELLO stesso.

In fondo la domanda fondamentale che dovremo farci è davvero:

Ma se lo sappiamo, perché non lo facciamo?

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Mal di pancia

Il pensiero unico

La forza s’è svegliata (NON CONTIENE SPOILER!)

La forza s’è svegliata, due.  (COME AL SOLITO NON CONTIENE SPOILER!)

Tanti Auguri!

Velocità!

 

Talento

Lun, 12/09/2016 - 08:08 -- Fabio Borselli

 

Una foto, nemmeno fatta tanto bene, trovata sul web:

qualche frase, anzi singole parole, quasi (solo quasi...) casuali.

Qualche frase, anzi singole parole, pesanti come macigni.

Un "manifesto" da appendere in ogni dugout, in ogni spogliatoio, allo specchio del bagno nelle case di ogni atleta e di ogni allenatore.

Una sola grande verità:

IL TALENTO DA SOLO NON BASTA!

Scusate se è poco...

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

 

Identità

Duel

Scherza coi fanti ma lascia stare i santi!

Di Casa Base, Peanuts e altre sciocchezze

Apprendimento Motorio

 

L'allenatore

Lun, 05/09/2016 - 08:08 -- Fabio Borselli

Risultati immagini per baseball kids coach scream

 

Mi capita di fermarmi ai bordi di un campetto di baseball di periferia.

Mi capita di fermarmi a osservare i ragazzi che aspettano di allenarsi.

Prima, li vedo giocare spensierati con una palla mezzo scucita e di quell’indefinibile colore che hanno le palle da baseball un po’ vecchie.

Poi, vedo il loro cambiamento, di umore e di approccio, una volta avvistato l’allenatore in arrivo.

Quel cambiamento, per capirci un po’ da “giorno dell’interrogazione”, si vede negli occhi, nei gesti, nella postura.

Incuriosito mi fermo, c’è una specie di “parterre” di fortuna, e mi siedo a guardare l’allenamento.

I ragazzi non sono molti, forse una dozzina, ma sono diligenti, ordinati rispettosi:

corrono in silenzio, in silenzio seguono un compagno al centro del cerchio che guida il riscaldamento, altrettanto in silenzio si mettono a coppie e palleggiano poi, tutti insieme attorniano il coach che da le direttive:

allenamento di battuta.

Tralascio di raccontare la noia provata a seguire questo “eterno” batting practice e sorvolerò anche sul fatto che in circa 45 minuti ogni bimbo ha, di fatto, girato a mazza 30 volte e “pascolato” tra prato e terra rossa nel tempo restante.

Arriva qualche genitore, si siede e ci scambiamo due parole, poi la loro attenzione è tutta per i figli, la passione per il gioco è palpabile e i commenti sono tutti del tipo: “che buon contatto!”, “ha proprio un bello swing”, “peccato per quelle mani troppo basse”…

Li sento parlare dell’allenatore, di come ha portato una “mentalità vincente”, di come ha corretto molti errori dei ragazzi, anche se c’è ancora “tanto da fare”, di come la squadra “sia pronta” grazie a lui.

Osservo il mio collega con un pizzico di invidia e mi dico che sarebbe bello sentire genitori o atleti che parlano così di me.

Poi lo osservo meglio e vedo che, dopo ogni lancio, ripeto:

dopo ogni singolo lancio, arriva precisa e implacabile una sua correzione/indicazione/puntualizzazione:

“tieni le mani alte”, “guarda la palla”, “hai fatto il passo troppo lungo”, gira più veloce”, “tieni la mazza parallela” e altri “slogan” perfettamente conosciuti a chi frequenta i campi di gioco da troppo tempo come me.

Lo osservo alla fine del “giro di battuta” radunare la squadra e spiegare, per quasi un quarto d’ora, come LORO, i ragazzi, siano ancora lontani dalla perfezione, su quanto ci sia da lavorare per, poi, fargli vedere “lo swing giusto”.

Saluto i genitori che stanno elogiando le grandi conoscenze del “mister” e mi allontano riflettendo…

Ho un turbine di pensieri per la testa e scrivendo queste righe altri mi si affollano nella mente.

Ma su tutti una domanda:

cosa deve fare l’allenatore? Quale è, davvero, il suo mestiere?

Nonostante il grande successo riscosso tra i genitori e supportato, invece, dalle facce tristi di quasi tutti i bambini, io sono convinto che quello che ho visto non sia allenare, o almeno non sia allenare bene:

allenare è, di questo sono assolutamente convinto, mettersi al servizio del gioco, della squadra, dell’atleta.

Allenare è osservare e studiare per capire quello che si vede.

Allenare è utilizzare quello che si conosce e quello che si impara per far si che quello che si vede, l’atleta e il suo approccio al gioco, possano far parte del gioco per quello che possono dare, non per quello che ci piacerebbe che dessero.

Allenare non è “insegnare a battere”, allenare è “aiutare a battere, nonostante”.

Allenare non è cercare la perfezione, allenare è aiutare gli atleti a usare la loro imperfezione al meglio.

Allenare non è creare dipendenza, allenare è dare indipendenza.

Allenare non è scegliere al posto dell’atleta, allenare è dare possibilità di scelta a ognuno dei propri giocatori.

Certo è più difficile! Molto più difficile!

È molto più semplice continuare a ripetere all’infinito “frasi fatte” che, a torto o a ragione crediamo possano cambiare le cose.

È ancora più semplice convincere i giocatori che possono cambiare il loro modo di tirare, o di battere o di prendere la palla ascoltando le mie indicazioni piuttosto che inventare e strutturare le cose in modo che quello che dico sia facile da fare.

Credo che allenare non sia una semplice questione di tecnica o di appeal.

Non conta quello che sai tu, ma quello che alla fine non solo sanno, ma sanno fare, quelli che hai allenato e, mi scuso se suona molto o troppo retorico, conta molto quello che sei capace di imparare, ogni volta, anno dopo anno, dai giocatori che alleni.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche

Ode a Menchino Neri

Vae Victis!

E tanti auguri

Il reverendo Graham

Olimpia!

 

In the wind of change

Lun, 25/04/2016 - 08:08 -- Fabio Borselli

 

Non seguo troppo assiduamente il basket, non quanto vorrei, cioè.

Inutile dire che, quando posso, la mia attenzione è rivolta  quello professionistico americano, quello della NBA, per intenderci. Questo non per snobismo ma, semplicemente, perché è esaltante da vedere:

ben ripreso, ben commentato ma, soprattutto, ben giocato.

Anche da “spettatore distratto” non è stato comunque possibile non accorgersi che c’è una rivoluzione in corso, nel mondo NBA, una rivoluzione tecnica, un nuovo modo di giocare e approcciarsi al gioco che, di fatto, lo sta cambiando.

Come spesso ricordo sono molto sensibile alle innovazioni nel mondo dello sport e il mio idolo indiscusso rimane DICK FOSBURY (ne ho abbondantemente parlato qui e qui).

Ebbene, sembra che anche il basket abbia il suo FOSBURY!

Si chiama STEPHEN CURRY e, secondo qualche commentatore sportivo, oltre ad essere il miglior giocatore del campionato, in un certo sta danneggiando il gioco.

Brevemente:

CURRY è il playmaker dei Golden State Warriors, la squadra campione dello scorso anno, e il miglior giocatore della passata stagione della NBA. Ed anche è quello che, più di tutti, sta rivoluzionando il modo di giocare nel campionato di basket più importante del mondo.

Gioca infatti una pallacanestro imprevedibile e,  apparentemente, molte delle sue scelte di gioco sono le classiche “scelte sbagliate”:

cose che gli allenatori chiedono ai giocatori di non fare, perché hanno una bassa percentuale di riuscita o troppo avventate.

Evidentemente CURRY non lo sa e continua a segnare con  tiri difficili , facendolo con percentuali notevoli, fa passaggi complicati e spettacolari che spesso si trasformano in assist per i compagni.

Il “problema”, è che molti giocatori giovani, soprattutto nei college, hanno cominciato a imitarlo, rischiando azioni difficili e complicate, fallendo, spesso, da questo fatto l'ipotesi del "presunto danneggiamento del gioco".

Ma, si sa, l’imitazione del più forte o divertente giocatore è, da sempre, scontata:

è successo con Michael Jordan, con Maradona, con Andre Agassi per citarne alcuni.

Non è la prima volta e non sarà l’ultima che un giocatore talentuoso o un modo nuovo di giocare vengono accusati di “eresia” prima che la loro “rivoluzione” cambi per sempre le regole del gioco.

Non voglio entrare in tecnicismi, ma il gioco che CURRY sta portando avanti, fatto di spettacolari tiri da tre punti, da posizioni lontanissime dal canestro, sotto pressione e con il corpo in assetti spesso non “ortodossi”, sta costringendo allenatori e giocatori a rivedere il proprio modo di giocare, nel tentativo di arginarlo.

Quello che rende questo giocatore così forte e così bello da guardare sono le cose imprevedibili che fa con la palla in mano…

Tutto questo cosa ha a che vedere con il baseball e il softball?

Molto i più di quello che sembra:

consiglio di andare a vedersi, per esempio, i video che mostrano CURRY durante il riscaldamento pre-game.

CURRY è un virtuoso del “ball-handling”, cioè dell’abilità di palleggiare e “trattare” la palla e fa, durante il riscaldamento, una serie di esercizi di “funambolismo” che lo aiutano a entrare, direi, in simbiosi con il pallone.

Ma non è solo questo e, Incuriosito da  questo “show”, sono andato a cercarmi anche il suo “allenamento tipo”:

oltre al lavoro fisico e a un innumerevole quantità di tiri ci sono una serie di esercizi inaspettati, fatti con l’aiuto di palle e palline di tutti i tipi, da quella da basket a quella da tennis, usate in coppia e con entrambe le mani, in condizioni di equilibrio precario…

Insomma una vera e propria seduta di allenamento multilaterale!

Ce n’è da attingere a piene mani, anche solo per “rompere” la (noiosissima) routine dei nostri (noiosissimi) allenamenti.

Ma non basta ancora:

ciliegina sulla torta, il simpatico CURRY segna, anche se non spessissimo, tirando con la mano sinistra, che non è la sua preferita, ma che  usa indistintamente rispetto alla destra in tutte le fasi del gioco.

Che dipenda dal fatto che, infischiandosene allegramente della “ortodossia”, il ragazzo non abbia timore di allenarsi anche con qualcosa di diverso dal “solito”?

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Oketi Poketi Woketi Wa

La felicità non è nel risultato

Vita da Insetti

Tecnica o tecnicismo?

Quanto conta la struttura dell'esercitazione nell’apprendimento motorio e tecnico?

 

La linea

Lun, 18/04/2016 - 08:08 -- Fabio Borselli

 

Quando ero molto più giovane di quanto mi piaccia ammettere, “la linea” era un cartone animato.

La linea di cui voglio parlare, oggi, invece, è la linea che una giocatrice mi ha chiesto di disegnare in campo durante un allenamento:

brevemente:

stiamo “impostando” la difesa del bunt, in questa fase senza corridori sulle basi  e senza il  battitore, lavorando solo sui movimenti e sulla sequenza “reagisco-carico-raccolgo-tiro”, quindi in modo abbastanza “easy” e senza pressioni esterne.

la squadra è giovane, gioca insieme da poco, non c’è molta esperienza, ci sono “esordienti” in alcune “posizioni chiave”… Insomma, siamo alla prima “imbastitura” del gioco (movimenti, reazioni, priorità, precedenze, ecc…):

c’è molta irruenza, ma allo stesso tempo timore, c’è voglia di fare e di fare bene, ma allo stesso tempo paura di sbagliare, c’è timore riverenziale da parte delle giocatrici “giovani” e qualche insofferenza da parte di quelle “esperte”, ci sono domande da fare, chiarimenti da dare, abitudini radicate da “aggirare”, c’è, soprattutto, tanta voglia che tutto vada SUBITO a posto. Il problema è che non è possibile che vada SUBITO tutto a posto, ci vuole tempo, lavoro, ripetizioni,

Niente di nuovo sotto il sole, insomma.

Niente che non sia già successo migliaia di volte ogni volta che una squadra scende in campo per allenarsi.

Qualche volta, per non dire spesso (d’atra parte sarebbe inutile “allenare” a difendere solo situazioni semplici e senza problemi particolari) quando la palla rotola nelle zone in cui le priorità e precedenze sono meno definite e chiare, le giocatrici non siano ancora precise nelle chiamate e nelle decisioni:

a volte si trovano in tre ( se non in quattro…) a voler giocare la stessa palla e, per questo, si ostacolano a vicenda non riuscendo a completare il gioco oppure la stessa palla rimane per terra mentre, le stesse tre giocatrici, sono preoccupate e impegnate a non ostacolare la compagna.

In ognuno di questi due casi estremi (e in mezzo ce ne sono almeno un miliardo, tutti diversi per dinamica e situazione) il problema si risolve, paradossalmente, continuando a proporlo:

piano piano, errore dopo errore, le giocatrici cominciano a conoscersi, a intuire le difficoltà e i punti di forza dell’una o dell’altra e risolvono la questione, o almeno è quello che si augura ogni allenatore.

Ebbene, proprio in una di queste “confuse” fasi inziali una delle giocatrici mi ha chiesto di “disegnare una linea”, in modo che fosse chiaro, per tutti, fino a dove “quella palla era sua” o quando “doveva lasciarla alla compagna”.

Dal punto di vista concettuale non c’è nulla da eccepire e in effetti, le aree di competenza e di priorità nella giocata, nei manuali di baseball e softball, sono chiaramente delineate…

Purtroppo (o fortunatamente) si gioca sul campo e non sui manuali o sulla carta e, sul campo, i contorni sono molto più sfumati:

ci sono un sacco di “dipende” e un sacco di “distinguo”, che vanno dalla velocità della palla alla posizione di partenza dei difensori, passando per le caratteristiche e il numero dei corridori sulle basi e considerando le condizioni del campo, il tipo di lancio e una, pressoché infinita, serie di altre variabili.

Insomma, non è proprio possibile tracciare “una linea” precisa e il bello del softball, secondo me, sta proprio qui:

in quella assoluta indeterminazione delle situazioni per la quale, credo, non sia possibile che ci sia una partita, un’azione, una giocata mai, esattamente, uguale a un’altra.

Credo che, proprio in virtù di questa caratteristica del gioco, la soluzione non sia “la linea”, ma il continuare a lavorare, proponendo alle atlete “problemi da risolvere” e non offrendo soltanto “soluzioni a portar via” che, se da un lato possono risolvere la maggior parte delle situazioni, dall’altro potrebbero non metterle in condizioni “pensare con la propria testa” e renderle capaci di risolvere quelle situazioni invece, “scomode” che, spesso, se non sempre, sono quelle che determinano la vittoria o la sconfitta.

 

Age quod agis

Cent'anni di solitudine

“Allenare Divertendo(si)” - Clinic sull’attività giovanile

Il ballo in maschera

Nel recinto dei TORI

 

 

 

Warning: low disk space!

Lun, 11/04/2016 - 08:08 -- Fabio Borselli

 

Alzi la mano chi, nella sua carriera di allenatore, non ha riempito pagine e pagine di taccuini da campo con i dati raccolti “durante le sedute di test” cui, periodicamente, ha sottoposto i propri atleti.

Credo, anzi sono pronto a scommettere che, in una immaginaria platea, ci sarebbero ben poche mani alzate.

Tutti noi (me compreso, sia chiaro) abbiamo prima o poi ceduto alla lusinga dei test:

di ogni tipo, da quelli “classici”, come il Cooper o il Sargent test, a quelli meno di uso comune come il Brue o il Leger test, per concludere con tutta una serie di rilevamenti sia atletici che tecnici specificamente “studiati” e “strutturati” per il baseball e il softball.

Ora, so di fare un affermazione assai azzardata e, magari, anche poco condivisa, ma ho maturato la convinzione che raccogliere questa “sterminata messe di dati” non serva, all’atto pratico, poco più che a niente…

Provo a spiegarmi un po’ meglio:

in un ipotetico “mondo ideale” dove gli allenatori possono seguire la crescita, lo sviluppo e la maturazione di atleti e atlete, raccogliere informazioni sulle loro capacità di prestazione potrebbe avere un senso, a patto che i dati raccolti siano, prima di tutto, analizzati e, poi, usati e, infine, verificati.

Conoscere i risultati di un determinato test, trovare una correlazione legata allo sviluppo fisico e biologico, analizzare la deviazione indotta dall’apprendimento tecnico (alcuni test perdono di significato perché certi cambiamenti nei risultati sono causati da un aumento dell’abilità del soggetto nello svolgimento della prova del test piuttosto che da reali incrementi della capacità fisica, o tecnica, che si sta valutando) dovrebbe  servire per sviluppare programmi di allenamento specifici.

La successiva verifica (nuovo test) dovrebbe portare a una nuova analisi e a integrazioni o variazioni dei programmi e così via.

Purtroppo, lo dico per esperienza, non siamo in un “mondo ideale” e le cose non vanno, quasi mai, così.

Purtroppo non riusciamo, quasi mai, a utilizzare tutta la miriade di dati che raccogliamo, anzi, spessissimo, ci ritroviamo tra le mani un mare, anzi un oceano, di informazioni non utilizzabili e questo per una sterminata serie di motivi… Per citarne alcuni:

  • atleti/e che abbandonano o cambiano squadra, quando non siamo noi allenatori a cambiarla;
  • test che misurano capacità per nulla o poco in relazione con il modello prestativo da sviluppare (baseball/softball)
  • mancanza di standardizzazione (ci deve essere uniformità nei comportamento dei rilevatori, nei materiali usati, nelle modalità di misurazione, nelle disposizioni verbali, nella descrizione, nella dimostrazione iniziale, nelle prove di riscaldamento, ecc…)
  • mancanza di attendibilità (la possibilità di ottenere, ripetendo la prova con lo stesso soggetto e nelle stesse condizioni, lo stesso risultato).

Per questo, aldilà della volontà di “punire” atleti e atlete “somministrandogli” (mai parola fu più azzeccata…) ore e ore di prove di valutazione, preferisco, da tempo, usare altri sistemi, come ad esempio la telecamera per poter “misurare” in seguito, con calma, utilizzando magari del comunissimo software di video-analisi, tempi, distanze, angoli e quant’altro.

In conclusione ho deciso di “risparmiare tempo e spazio” raccogliendo e “collezionando” poche informazioni e solo quelle che posso realmente utilizzare per poi programmare le sedute di allenamento.

Non si pensi che dico di non fare più test, per carità, anzi me ne guardo bene, ma consiglio di fare solo quelli i cui dati, raccolti e catalogati, saranno realmente utilizzati.

Credo che, oltre a “perdere meno tempo” avremo, sicuramente, più spazio sui nostri hard disk.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Diciannove e settantadue!

La battaglia di Rocroi

"… Poi, deve andare in prima media…"

La vita per conto dei figli

Il nono difensore

 

Tre palle, un soldo

Lun, 21/03/2016 - 17:18 -- Fabio Borselli

 

Sto seguendo la querelle, in auge da un po’ sul web (sottolineo, solo sul web) relativa all’adozione, per la prossima stagione, nei campionati della categoria “ragazzi”, della palla “ufficiale”:

come è noto si passa dalla “famigerata” KENKOBALL ad una “normale” palla da baseball di peso e misure regolamentari.

Leggo pareri discordanti e io, naturalmente ho il mio, ma il pensiero di scrivere questo post è nato da alcuni commenti che definiscono la KENKOBALL come “l’antibaseball”.

Detesto, per principio, ogni radicalismo o integralismo e sentire parole come “antibaseball” mi scatena una profonda irritazione:

credo che come in tutte le cose, anche nello sport non ci siano verità assolute.

Basta pensare a come si sono evoluti alcuni dei “fondamentali” nel corso degli anni, basta pensare a con che "attrezzi" molti di noi, non piùgiovanisimi, abbiano cominciato a giocare e basta anche riflettere sul come si giocavano e allenavano, nemmeno 20 anni fa, il baseball e il softball per rendersi conto che le cose cambiano, si evolvono, migliorano, nonostante la “resistenza al cambiamento” riscontrabile in ogni ambito, non solo in quello sporttivo.

Proprio per non cadere nella tentazione dell’integralismo della “religione del vero baseball” proviamo a partire dal principio e a fare chiarezza:

il tipo di KENKOBALL usata da noi  è (era) una palla di gomma che pesa 4.5 once (contro le 5/2.25 di una palla di pelle regolamentare) e che misura 8.5 pollici di diametro (contro i 9/9.25 di una palla di pelle regolamentare).

Si tratta di piccole differenze:

di poco meno di 2 centimetri sul diametro della palla (la KENKO è più piccola di circa il 5%) e di poco più di 14 grammi sul peso (la KENKO è più leggera di circa il 10%).

Una differenza sostanziale, però, è data dal materiale che, assorbendo di più l’impatto con la mazza, genera velocità di uscita dalla stessa più basse di quelle registrate con la palla “regolamentare” e quindi risulta essere PIU’ SICURA rispetto a possibili colpi ricevuti dai piccoli umani che si cimentano nel gioco.

La tabella che segue, tratta dal volume  di R. Cross “Physics of Baseball & Softball” edito nel 2011, in soldoni, mette in evidenza come la KENKOBALL abbia una capacità di assorbire la forza applicata dalla mazza  molto più vicina a quella di una palla da tennis che a una da baseball o da softball “vera”.

Ognuno tragga le proprie considerazioni in proposito.

Poi, sempre a proposito di “antibaseball”, voglio far notare che la categoria ragazzi gioca su un campo che è circa il 33% più piccolo di quello regolamentare e che il lanciatore lancia da una distanza che è circa il 23% più corta di quella del “vero baseball”.

A me sembra che se vogliamo fare i puristi…

Proprio per chi si sente un purista aggiungo un’altra considerazione relativa ad uno sport “concorrente”, il basket:

nel minibasket, quello giocato dai bambini, il campo è più piccolo, i canestri più bassi e la palla (eresia) non è una palla “vera”, ma una palla più leggera e più piccola…

Ci viene in mente nulla?

Come si sarà capito io sono MOLTO FAVOREVOLE all’utilizzo di palle da gioco più sicure e, incidentalmente, credo che le dimensioni non abbiano nulla a che fare con il far diventare, quello giocato dai bambini, una “ragionevole approssimazione” dello sport giocato dagli adulti.

Come ho già detto la parola “antibaseball” evoca in me spettri di integralismo e di “guerra santa” che oltre a essere molto lontani dal mio pensiero mi fanno, in qualche modo, anche un po’ paura (già detto in un altro post).

Credo che fondamentali sbagliati o approssimativi, allenamenti noiosi e ripetitivi, fotocopia di quelli degli adulti (anche quelli, spesso, noiosi e ripetitivi, ammettiamolo…) istruzioni tecniche date “per sentito dire” e poca, anzi pochissima, voglia di sperimentare e applicare tecniche innovative (strade che altri sport percorrono invece abitualmente) siano i veri flagelli del baseball e del softball, altro che una palla un po’ diversa da quella “vera”

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Non sempre vince il migliore…

Open

Fumo e sport

Un inning alla volta…

Allenare la velocità?

 

Pagine

Abbonamento a allenamento